Comune di Penango - Provincia di Asti - Piemonte

Percorso di navigazione

Ti Trovi in:   Home » Guida turistica » Storia e cultura » I Monumenti ai Caduti

Stampa Stampa

GUIDA TURISTICA

I Monumenti ai Caduti

Negli anni immediatamente successivi alla fine della Grande Guerra a Penango si costituì un apposito comitato, presieduto dal reduce Vittorio Vacca, che aprì una sottoscrizione tra la cittadinanza al fine di erigere un monumento a ricordo dei caduti nel conflitto.
Il monumento, a forma di obelisco, opera dell'artigiano Borello di Asti, fu consegnato da Vacca al Comune il 4 settembre 1921, giorno dell'inaugurazione.
Così ne riferisce laconicamente il parroco don Giuseppe Torriano sulla cronaca parrocchiale: «Intervenne il municipio, consiglieri di Penango con bandiera, tutto il comitato, un picchetto armato. La funzione riuscì commovente per l'unione di tutte le autorità. Parlò il parroco in chiesa. Il sindaco e il maestro cav. Manacorda dissero belle parole quando fu benedetto il monumento».
Sul monumento compare anche il nome del bersagliere Orazio Montiglio, a stretto rigore penanghese solo di adozione, poiché era nato altrove e si era trasferito a Moncalvo pochi mesi prima del richiamo in guerra. I suoi congiunti però si rivolsero al Comune specificando essere stato «questo Penango la patria sua» ed esprimendo il desiderio di «eternare con gli altri eroi anche la memoria di lui, sì che il suo sacrifizio sia di esempio ai posteri, come le sue virtù lo furono durante la sua breve esistenza». Il Municipio non ebbe nulla da eccepire e il nome del bersagliere disperso fu inciso sull'obelisco.
Terminata anche la seconda guerra mondiale, su una delle facce laterali dell'obelisco vennero incisi anche i nomi di Francesco Corzino, morto in Spagna, e dei caduti nella guerra 1940-1943.
Molti anni più tardi, nel 1951, quando anche un'altra guerra, se possibile ancor più cruda, era terminata, anche Cioccaro ebbe una lapide affissa al muro esterno del cimitero e riportante l'elenco dei Caduti di quella frazione.
Il piccolo monumento, opera dell'artigiano moncalvese Saturno Donna e costato 26.000 lire, fu benedetto da don Angelo Zeglio, parroco della frazione, il 4 novembre 1951.

• Elenco dei caduti (Archivio storico del Comune di Penango)





PUNTO DI RACCOLTA DEGLI OLII VEGETALI ESAUSTI PRESSO LA PIAZZA DEL PESO
PUNTO DI RACCOLTA DEGLI OLII VEGETALI ESAUSTI PRESSO LA PIAZZA DEL PESO

ECOSTAZIONE DI CALLIANO - LOC. MOGLIA
CONFERIMENTO RIFIUTI DIRETTAMENTE DA PARTE DEL CITTADINO
ECOSTAZIONE DI CALLIANO - LOC. MOGLIA
CONFERIMENTO RIFIUTI DIRETTAMENTE DA PARTE DEL CITTADINO

   

Calendario eventi


 

Riferimenti del comune e Menu rapido


Comune di Penango, Piazza Marconi 2
14030 Penango (AT) - Telefono: (+39)0141910123 Fax: (+39)0141910123,
Codice univoco fatturazione elettronica UFL5NC

CC.POSTALE: IT04X0760110300000013041140
CC.BANCARIO: IT39J0608510316000000020128
TESORERIA UNICA: 0300258

C.F. 80003180058 - P.Iva: 01222080051
E-mail: uffici@comune.penango.at.it   E-mail certificata: uffici@pec.comune.penango.at.it
E-mail D.P.O.: fabrizio.brignolo@libero.it    Pec D.P.O.: brignolo.fabrizio@ordineavvocati.eu